Incentivi alla nautica

Eppure il valore simbolico e la ratio degli aiuti, non ci sembrano immeritevoli, seppur di consistenza assai limitata. Meritevoli perché rivolti alla nautica di piccole dimensioni e per la precisione: uno sconto del 20% sul prezzo di un fuoribordo (massimo 75 kw-100 hp), con un contributo massimo di 1.000 euro. Le motorizzazioni interessate riguardano barche da 7-8 metri. Lo spirito della misura è agevolare la sostituzione di fuoribordo vecchi e inquinanti con nuovi modelli realizzati secondo quanto prescrive la più recente normativa Ue (direttiva 2003/44/Ce) in tema di contenimento di fumi e rumori. L’altro intervento è o sarebbe studiato per l’acquisto di impianti per la laminazione della vetroresina sottovuoto fino a un massimo di 200.000 euro, quindi per scafi fino a 10 metri. Con l’ulteriore vantaggio di salubrità in cantiere, riduzione dei problemi di aspirazione e indirettamente di rinnovo delle carene che oggi sono sempre più studiate a ridurre i consumi.

Inoltre l’argomento si presta a una certa fumosità e indeterminazione: abbiamo quindi deciso di risalire alla fonte prima, il Ministero dello Sviluppo Economico, per eliminare ogni possibile filtro e interpretazione errata. L’interesse è di attualità stringente, in quanto entro la fine dell’anno potrebbero essere convogliate, “riattribuite” nuove risorse nella nautica, da incentivi di altri settori, rimaste a disposizione. Forse già alla fine di ottobre. Tecnicamente, si avranno ancora tutto il 2010 per riprenotare i fondi, più i 150 giorni successivi, per la gestione amministrativa. Se quindi non possiamo fare un bilancio definitivo e non abbiamo al momento ancora i nomi dei beneficiari, fondamentali per averne un’idea più precisa, abbiamo però ricevuto le prime informazioni con grande velocità e collaborazione. I maligni potrebbero sostenere che già in questo stia la notizia. La notizia invece è che la stragrande maggioranza dei fondi è stata prenotata e utilizzata negli stampi e non per i motori fuoribordo come moltissimi pensano, forse con una certa prevenzione. Seguiremo gli sviluppi, cercheremo di capire come e da chi, ma allo stato attuale, dei 20 milioni disponibili, 1.075.000 euro è stato utilizzato per 1.316 motori fuoribordo, con 220 rivenditori. Mentre circa 18.924.000 euro sono stati erogati per 155 stampi. Quindi se – come sostiene il Ministero – è stato complesso conciliare le due anime della manovra, rivolta ai consumatori, per quanto riguarda i motori e noi operatori e aziende, per quanto concerne gli stampi, nella realtà dei fatti ha avuto la meglio proprio la seconda con 53 stampisti o cantieri beneficiari, con una media di 4 stampi ognuno. A dispetto di quanto comunemente si pensa nel nostro stesso mondo.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Nautech News © 2017 Tutti i diritti riservati