PROGRAMMA MARE – Crescere nel settore delle coperture termoretraibili

5Una nuova sede a La Spezia su un’area di 500 mq, uffici in Brasile, aumento del personale e del fatturato sono alcuni degli importanti traguardi raggiunti da Programma Mare nell’ultimo anno di attività. Qualità dei prodotti e dei servizi resi disponibili ai clienti, attenzione alla formazione e alla sicurezza dei propri dipendenti sono alcuni punti di forza della società.

Un’area di 500 mq tra uffici e magazzini, oltre a spazi esterni, che si affacciano sulla darsena di Pagliari, dove possono arrivare le imbarcazioni per interventi di imballaggio parziale, ma anche i camion via terra, su cui devono essere realizzati imballi di macchinari o di imbarcazioni. Queste sono le caratteristiche della nuova sede che Programma Mare, azienda di La Spezia specializzata nel settore delle coperture termoretraibili per la nautica e altre aree, ha inaugurato da pochi mesi. «Oltre all’apertura della nuova sede sono molte le attività che abbiamo in programma», ci racconta Davide Giannoni, socio e Amministratore Delegato di Programma Mare. «Per esempio stiamo prestando sempre più attenzione alla sicurezza. Alla certificazione per la qualità ISO 9001 stiamo affiancando la certificazione sulla sicurezza ISO 18.001». Entrambe queste certificazioni sono rilevanti. La certificazione ISO 9001 lo è particolarmente nei rapporti con i clienti, la ISO 18.001 lo è in relazione al personale, al quale l’azienda sta cercando di trasmettere sempre più l’importanza del lavorare in un ambiente sicuro e del comportarsi adeguatamente perché questa condizione si verifichi. Nell’ultimo anno di vita dell’azienda è aumentato il personale, che ha superato le 50 unità. «Abbiamo avuto anche un incremento delle unità produttive e ottenuto risultati positivi in termini di fatturato», dice Giannoni.

Una nuova sede in Brasile

«Siamo alla costante ricerca di nuovi mercati», prosegue l’Amministratore Delegato di Programma Mare. «Da poco più di un anno abbiamo aperto una nuova sede in Brasile, dotata di ufficio e di un punto logistico. Siamo arrivati in Brasile per seguire le esigenze di un nostro cliente attivo nel settore oil & gas, nella zona di Recife. Il Brasile è un Paese ricco di opportunità, prevalentemente nel settore industriale, mentre la nautica è ancora agli albori. Lavorare in Brasile è più complesso che lavorare in Italia, sia per le grandi dimensioni del Paese sia per problemi legati alla viabilità. Ma in questo Paese molte grandi aziende hanno trasferito le loro unità produttive, per questo sono molti i potenziali clienti nel settore industriale». Creare un’azienda in Brasile, dal punto di vista burocratico, non è facile; Programma Mare ha dato vita a una vera e propria società brasiliana, nel pieno rispetto delle leggi locali. Al momento c’è del personale italiano che sta lavorando in Brasile, ma sta subentrando personale brasiliano. «Stiamo selezionando nuove persone e abbiamo anche in programma una fase di preparazione per i nuovi dipendenti perché possano lavorare al meglio», aggiunge Giannoni. L’azienda sta portando avanti anche una collaborazione in Cina con una società specializzata in Logistica. «Ci occupiamo di vendita del materiale e di attività di consulenza», spiega l’Amministratore Delegato di Programma Mare.

Soluzioni innovative

Grazie alle proprie coperture termoretraibili, Programma Mare ha consolidato i tradizionali metodi di packaging per lo stoccaggio e le spedizioni nazionali e internazionali. Il punto di partenza delle attività di imballaggio è stata la nautica per le esigenze del trasporto via mare delle imbarcazioni, in seguito l’attività si è allargata ad altri settori. Negli ultimi 10 anni l’azienda ha realizzato, infatti, anche coperture per vagoni ferroviari, attrezzature industriali, impianti, turbine, camere iperbariche, componenti dell’industria nucleare, serbatoi, silos, generatori di vapore, autoclavi e mezzi di trasporto. Per la realizzazione delle proprie coperture termoretraibili, Programma Mare punta su materiali di qualità scelti partendo dall’esperienza che l’azienda ha maturato nel settore, in collaborazione con una società che produce materiali plastici. L’azienda punta a fornire ai clienti coperture sicure e leggere, che rappresentano una efficiente barriera dagli agenti atmosferici. Queste coperture possono essere realizzate in tempi ristretti, si modellano alla forma dell’oggetto imballato e sono tra le più economiche esistenti sul mercato. Il polietilene usato per le coperture è caratterizzato da un elevato grado di termoretrazione e ha uno spessore di 250 micron, che ne garantisce la resistenza ai raggi UVA per 12 mesi, proteggendo l’oggetto coperto. Sulle coperture sono applicati anche aeratori anti-condensa, una rete di protezione ad alta resistenza e una porta di accesso per eventuali ispezioni. Nel caso di presenza di parti taglienti sono previste apposite protezioni per garantire l’integrità dell’imballaggio finale.

Coperture per ogni situazione

Le soluzioni proposte da Programma Mare ai clienti del settore nautico sono state studiate per soddisfare le esigenze di copertura delle imbarcazioni in differenti situazioni. Quando la necessità è la spedizione, il sistema di copertura riduce i tempi di imballaggio e garantisce un’adeguata protezione dagli agenti atmosferici a costi contenuti. A maggior protezione, su tutte le coperture rese disponibili da Programma Mare sono montate reti in polietilene ad alta resistenza. Per il rimessaggio sono disponibili coperture in grado di proteggere anche le imbarcazioni più prestigiose, sempre a costi accessibili. Per le attività di verniciatura e manutenzione Programma Mare rende disponibili anche cabine di verniciatura, adatte a imbarcazioni di ogni dimensione. I moderni cicli di verniciature richiedono sempre più il controllo di alcuni parametri, come la temperatura e il grado di umidità. Questi valori risultano facilmente controllabili con la creazione di una struttura termoretraibile che contenga l’imbarcazione, realizzando un ambiente in cui temperatura e umidità siano tenute sotto controllo. I sistemi di abbattimento delle polveri e adeguate aspirazioni possono completare le strutture di Programma Mare, fino a renderle perfette cabine di verniciatura per imbarcazioni di ogni dimensione. «Il sistema dell’imballaggio si sta sempre più consolidando», commenta Giannoni. «Ora è sempre più conosciuto; inizialmente è stato difficile portarlo fuori dal settore nautico. Molti clienti non conoscevano prodotti di questo genere, ora invece i nostri prodotti sono sempre più apprezzati anche da clienti importanti».

 Soddisfare le esigenze del cliente

L’azienda punta molto sul soddisfare le esigenze del cliente. «L’imballo è in genere la parte finale dell’operazione di consegna del cliente», prosegue Giannoni. «Quindi è importante essere sempre pronti e versatili e disporre di personale efficiente e disponibile». Non tutti i periodi dell’anno, dal punto di vista lavorativo, sono uguali per Programma Mare. «Relativamente al lavoro, di solito marzo, giugno, settembre, ottobre, novembre e dicembre sono mesi impegnativi», dice l’Amministratore Delegato. «Luglio, agosto, gennaio e febbraio sono, invece, mesi di solito più tranquilli. Ma a volte il calendario può rivelare qualche sorpresa. Per far fronte ai problemi e agli imprevisti, lo spirito di cooperazione tra le persone è importante». Nelle persone che lavorano in Programma Mare è forte il senso di appartenenza al gruppo, tutti sono disposti a collaborare su turni; quasi tutto il personale è giovane. L’età media dei dipendenti è al di sotto dei 30 anni. «Siamo un’azienda cresciuta velocemente, anche grazie alla versatilità dei nostri dipendenti», dichiara Giannoni. «Se non avessero avuto spirito di sacrificio sarebbe stato impossibile raggiungere i risultati ottenuti. Quando un cliente ha un problema, la nave in partenza, la barca che va coperta perché va sulla nave e ha necessità di intervento di sabato, è necessario intervenire anche se siamo nel fine settimana. Il nostro personale è sempre stato disponibile a fare anche questo, il personale è sempre stato uno dei nostri punti di forza. È importante che queste caratteristiche rimangano anche in futuro, un’impresa del nostro settore non può trasformarsi in un’azienda classica».

 

Attenzione alla formazione e alla sicurezza

 

Quando una nuova persona è assunta in Programma Mare è inserita subito in una squadra di tre persone. Il nuovo arrivato è messo a fare il «terzo» del gruppo. All’inizio, quindi, è un aiuto. In questa fase si capisce se il nuovo inserito è adatto a svolgere questo tipo di lavoro. «Raramente è capitato qualcuno non idoneo», commenta Giannoni. «Oggi la gente arriva abbastanza motivata. Non tutti, però, hanno gli stessi tempi di apprendimento. Qualcuno si rende autonomo in sei mesi, altri in due o tre anni, altri ancora hanno sempre bisogno di essere guidati, ma va bene anche così perché non tutti devono essere per forza dei leader. L’aspetto organizzativo, al di là delle capacità manuali della persona, il conoscere le problematiche e saperle gestire è il ruolo che premia di più i nostri dipendenti». Tutto il personale è formato dal punto di vista della sicurezza, sono stati effettuati corsi di formazione per le lavorazioni in quota, per la guida di carrelli elevatori, per piattaforme elevabili e naturalmente per pontisti. La sicurezza è un aspetto fondamentale. «È una follia, oggi, lavorare senza rispettare le norme di sicurezza», dichiara Giannoni. «I dipendenti devono capire che le norme di sicurezza non sono state introdotte per la salvaguardia dell’azienda, ma per la loro. In determinate situazioni è indispensabile indossare apposite scarpe, occhiali, casco, cintura a cui ancorarsi, giubbotto ad alta visibilità. Può sembrare noioso e in alcuni casi fastidioso rispettare queste regole, ma sono a vantaggio della salvaguardia del lavoratore. A volte è più difficile far capire queste cose alle persone che lavorano da lungo tempo nel settore e si sentono sicure di quello che fanno che non agli apprendisti, che si adeguano alle norme a loro indicate con più facilità».

Presenza capillare sul territorio italiano

 

Oltre che a La Spezia, in Italia Programma Mare ha sedi in altre città, strategiche dal punto di vista delle attività legate alla nautica, in cui lavorano gruppi di dipendenti. «Abbiamo una forte attività su Livorno e un blocco di persone che lavora in questa città che è quasi sempre lo stesso», puntualizza Giannoni. «Abbiamo attività su Bari e due persone che vivono a Bari e lavorano nella loro città. Abbiamo un’attività su Monfalcone, dove abbiamo una sede aperta dall’anno scorso. Puntiamo su persone competenti, in grado di far fronte anche a situazioni improvvise». In Italia l’azienda ha molti clienti anche nel settore industriale. «Una volta, quando si parlava di imballaggio, si pensava solo alla cassa di legno, ora abbiamo superato questa visione», spiega Giannoni. «Il nostro tipo di imballaggio è molto agile, non ha costi di smaltimento, ha tempistiche di allestimento più veloce e non implica problemi quali la deforestazione legata al reperimento del legname e lo smaltimento. Uno dei vantaggi del polietilene è che si adatta a qualsiasi forma sottostante ed è perfettamente aderente. Realizziamo, inoltre, strutture nautiche per i megayacht. Disponiamo delle attrezzature metalliche adatte a farlo, intorno alla barca realizziamo il ponteggio a norma. Abbiamo progettisti per i ponteggi, tecnici in grado di seguire l’esecuzione del ponteggio. Tutto è fatto a norma di legge». Programma Mare sarà presente al salone di Genova con uno stand in cui saranno esposti i prodotti dell’azienda e saranno presentati filmati sulle attività realizzate. Non è prevista, al momento, la partecipazione a fiere all’estero, ma non è escluso che questo potrà avvenire in futuro, soprattutto nel segmento del packaging industriale.

NauTech Ottobre 2014 – QUI IL PDF CON TUTTE LE IMMAGINI

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

SHARE

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here