I Pod di ZF

Lo stand di ZF al Salone Nautico di Genova 2011

Le nuove propulsioni ZF POD hanno determinato la semplificazione delle manovre, l’aumento dell’efficienza propulsiva, la diminuzione dei consumi e quindi dell’impatto ambientale. La gamma si compone di diversi modelli per motori fino a 1200 cavalli e scafi fino a 120 piedi. Le eliche dello ZF POD sono protette dalla sagoma del torpedo e dalla pinna e per la sicurezza dell’imbarcazione sono state previste parti sacrificali che si staccano nel caso di urto con un ostacolo sommerso. Per ridurre il pescaggio, lo ZF POD può essere installato in un tunnel ricavato nella carena.

Con il Single POD Propulsion System è possibile impiegare un solo pod drive ZF POD 2500, insieme con un propulsore di prua ZF BT (bow thruster) e con il sistema di controllo ZF SmartCommand, ed ottenere tutti i vantaggi di un sistema a due propulsori, dalla facilità di controllo all’impareggiabile efficienza. L’impianto, infatti, può essere completato con il comando joystick ZF JMS (Joystick Maneuvering System) e con tutte le relative funzioni accessorie, compresa l’ancora elettronica “iAnchor”

Le propulsioni ibride ZF POD 2500 e 2800 Hybrid consentono alle imbarcazioni a motore fino a 50 piedi di manovrare in silenzio e senza emissioni, grazie alla spinta di un motore elettrico (fino a 70 kW) inserito nella stessa propulsione utilizzata dal motore diesel (fino a 1.500 cavalli).

Sono stati realizzati con l’obiettivo di manovrare silenziosamente i nuovi ZF Bow Thruster che sono molto meno rumorosi di altri prodotti, possono essere utilizzati continuativamente per 30 minuti e hanno una spinta più efficace di circa il 20%.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Nautech News © 2017 Tutti i diritti riservati