Stop and go per Tatoosh a Trieste

Tatoosh a Trieste

Trieste attrae sempre di più i megayacht da tutto il mondo, conquistandoli con la sua naturale bellezza di città mitteleuropea e con le sue varie offerte mirate, tra cui logistica e servizi di refitting di primissimo livello. Così anche Tatoosh, il 93 metri a motore costruito dal cantiere tedesco Nobiskrug è arrivato con tutta la sua maestosità in banchina a Trieste presso Quaiat Yard. Cinque ponti, 10 suite, un cinema, una piscina, l’eliporto, un motoscafo e una piccola barca a vela per raggiungere anche le baie più piccole e impossibili per una nave dalla stazza imponente come questa, sono solo alcune delle principali caratteristiche di questo prezioso gioiello del mare.

“La nave rimarrà qui all’ormeggio per 2 settimane” – ha spiegato Marino Quaiat, titolare di Quaiat Yard e presidente di TRS, Trieste Refitting System – “nelle quali effettueremo lavori di carpenteria, falegnameria, rifacimento tappezzerie, pulizie interne di moquette e tappezzeria e tendaggi, costruzione di mobili, rifornimenti.” La commessa verrà gestita da TRS, la rete nautica nata a marzo 2013 per iniziativa di cinque imprese triestine specializzate nel refitting di super e megayacht – ovvero Quaiat Yard,

– che hanno voluto così consolidare una collaborazione che va avanti già da alcuni anni. Con l’importante contribuito della Camera di Commercio di Trieste, attraverso Aries, e l’Istituto per il commercio con l’estero, le cinque aziende puntano con la rete a valorizzare le rispettive competenze a livello internazionale, offrendo un know how che si applica ad imbarcazioni superiori a 40 metri. “Un importante vantaggio competitivo della nostra rete” – continua Quaiat – “è avere la proprietà, attraverso una delle cinque aziende aderenti, di un bacino di carenaggio all’interno del porto di Trieste con la capacità di ospitare megayacht fino a 140 metri, in pratica la grandezza di una nave”.

Riqualificando e potenziando quindi i servizi di refitting e la relativa offerta, TRS – una tra le poche reti in Italia con personalità giuridica – ha l’obiettivo di attrarre sempre più super e mega yacht in Alto Adriatico. “Il motivo per cui abbiamo richiesto la personalità giuridica per TRS, con l’attribuzione della partita Iva e la conseguente necessità di una gestione e di una governance unica,” – conclude Quaiat – “è che puntiamo a essere un soggetto ben identificabile per interlocutori di grosso calibro a livello internazionale come sono in genere gli armatori di grandi imbarcazioni, come appunto Tatoosh”.

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Nautech News © 2017 Tutti i diritti riservati