L’impiego di bio oil nei sistemi marini

IMG_2340_FAM5_Aufnahme_Okt_2012_oHGNavi e barche utilizzano in larga misura lubrificanti che possono entrare a contatto con l’acqua e contaminare grandi superfici marine. L’attenzione internazionale in materia di salvaguardia ambientale è cresciuta notevolmente con regolamentazioni che spingono il costruttore verso l’impiego di bio-oil. L’ente statunitense per la protezione ambientale (EPA) ha recentemente imposto la conversione degli impianti oleodinamici da olio minerale a olio biodegradabile per tutte le applicazioni dove macchinari e sistemi siano direttamente a contatto con l’acqua (thrusters, pinne stabilizzatrici etc.) per la navigazione nelle acque territoriali e il transito nei porti statunitensi con il Vessel General Permit (VGP) e lo Small Vessel General Permit (SVGP). Tale conversione non è “a impatto zero”. L’ingresso di acqua marina in questi sistemi è frequente e la maggiore sensibilità di questi oli all’acqua comporta elevati rischi di malfunzionamento degli impianti. Un bio oil contaminato tende, infatti, all’invecchiamento precoce, all’ossidazione e all’aumento del TAN oltre che alla riduzione della proprietà di lubrificazione e, come noto, i costi di manutenzione hanno un peso notevole sul Life Cycle Cost (LCC) management. La riduzione di acqua, gas e di contaminazione solida nel fluido è direttamente proporzionale all’allungamento degli intervalli di manutenzione, alla maggiore disponibilità dell’impianto e alla riduzione del LCC.  Hydac, con la sua esperienza pluriennale in ambito oleodinamico, risponde alle necessità di filtrazione, dewatering, degassing e Fuel Condition Monitoring con un’unica soluzione il FluidAqua Mobil – FAM 5. FAM 5 è un’unità di filtrazione che elimina l’acqua disciolta dotata di filtro a carboni attivi per l’eliminazione degli odori, di AquaSensor per misurare la quantità di acqua, di Oil Mist Separator per l’eliminazione di nebbie d’olio e PLC integrabile per il trattamento contemporaneo di più impianti. La soluzione di Hydac allunga il ciclo di vita della macchina e permette una navigazione in sicurezza.

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Informazioni sull'autore
Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Nautech News © 2017 Tutti i diritti riservati